Il dopo comincia prima

anastasiaOvvero la fisiologia della continuità
di Lisetta Rafanelli Ostetrica

Sarà mai troppo presto per considerare il prima?
E quand’é il prima di un bambino?

Sarebbe interessante sapere se quel bambino é mai stato “prima”, ma questo ci porterebbe lontano, nelle idee e nel tempo, e non é questo il luogo.

Fermiamoci qui, con questo bambino, possiamo chiamarlo Alessandro e, riferendoci al prima, possiamo soffermarci sui suoi genitori, il padre, la madre e sul loro desiderio, sulla loro aspettativa d‘Alessandro.

Relier chiama questo periodo: stadio della creazione, desiderio del figlio che appare come la materializzazione di una risonanza armoniosa, fra i pensieri complementari del principio maschile e femminile. Possiamo anche chiamarlo pre-concepimento, dove un bambino è ed ancora non é, dove non ci sono limiti, non c’è tempo, giacché é prima del tempo.
Continua a leggere

Che il sangue sia con te

nuova copertinadi Paola Maria Lussoglio – Ostetrica

Il tempo in cui il cielo si oscura sembra che giunga senza avvertimenti: è un tempo sfumato, cosi sfumato che spesso te ne accorgi perché e buio tutt’intorno.
Ma se sei una che ha imparato ad ascoltare, allora i segni ti parlano con chiarezza del buio a venire.
Arrivo a casa stanca e infreddolita anche se fuori è una bella giornata, fuori non fa freddo ma dentro di me sento il gelo impossessarsi piano piano di tutto il mio essere.
E’ un freddo cui non trovo mai rimedio perché viene dal profondo, è un freddo che sa di morte e di solitudine, ma anche del bianco candido della neve e del ghiaccio, sa del silenzio degli estremi del mondo.
Ritiro l’auto in garage e ci impiego un tempo interminabile: gesti che fino al giorno prima erano sicuri e precisi, ora vacillano consumando le mie energie residue…
Continua a leggere

Benvenuti al CBM !

Il Centro Benessere Maternità (CBM) è il nuovo progetto della Scuola Elementale di Arte Ostetrica. Immerso nel verde delle colline toscane a pochi minuti da Firenze, il CBM, grazie a un’accogliente struttura residenziale, offre servizi sia locali sia su territorio nazionale per la maternità e per la salute della donna.

Con il Centro Benessere Maternità vogliamo proporre un luogo di aggregazione, valorizzazione, sostegno per la maternità e la genitorialità, che offra un terreno di crescita sociale a partire dal percorso prenatale.

Il CBM vuole aiutare a mettere le basi per uno sviluppo sano dell’individuo, sviluppo che passa attraverso una buona educazione prenatale, una buona nascita e un buon accoglimento.

A questo scopo il CBM si inserisce in un contesto più ampio di educazione e formazione ecologica: quello del Villaggio… in cui è situato, il quale offre una continuità multidisciplinare fino alla maggiore età. Una microsocietà dove la nascita occupa un ruolo centrale e dove l’educazione inizia prima e con la nascita stessa.

Il CBM oltre che uno spazio con servizi per le madri e le famiglie, è anche luogo di formazione e tirocinio, con supervisione continua, per le ostetriche. Servizi e formazione professionale insieme garantiscono alti standard qualitativi sempre aggiornati.

ll CBM è un progetto pionieristico in Italia e nel mondo in quanto applica in modo sistematico la Salutofisiologia: un modello di assistenza all’avanguardia ispirato alla teoria della Salutogenesi di Antonowsky, integrato con leggi della Fisiologia e della PNEI. Si tratta di un modello appropriato per la maternità, appartenente alla slute e per un’assistenza ostetrica specifica e women friendly, prima concreta alternativa al modello medico.

La Salutofisiologia si basa su un buon adattamento fisiologico e psicosociale, cioè di corpo e mente. A fronte di difficoltà di adattamento o forti stress, ogni persona fa leva sui propri punti di forza per ristabilire il proprio equilibrio. Il focus del modello della Salutofisiologia è posto proprio sul potenziamento dei punti di forza di mamma e bambino chiamati “risorse”. Tutto ciò che va bene in un individuo è l’espressione delle sue competenze, conoscerle e rafforzarle crea fiducia e salute.